Psicologia Benessere Torino

Orari : Lun-Ven 09.00-20.00
  Telefono : 3914386860

Perché la coppia entra in crisi

A volte, anche le coppie più innamorate, possono passare momenti di crisi e di dubbio che, se non affrontati nel modo giusto, portano alla rottura e alla separazione.

In questo articolo vi voglio parlare dei quattro elementi che annientano la coppia al loro passaggio e che, per questo motivo, J. Gottman chiama “i quattro cavalieri dell’Apocalisse”. Essi sono: la critica, il disprezzo, il contrattacco e il muro di silenzio.

Vediamoli uno ad uno per comprenderne meglio il significato e l’impatto che hanno sulla coppia.

Critica

La critica consiste nel lamentarsi con il partner attaccando la sua identità invece che soffermandosi su ciò che è accaduto realmente: è l’espressione di un giudizio sulla personalità e fa sentire, chi lo riceve, come portatore di un “difetto” che non può essere cambiato in quanto appartenente al proprio “essere”. Solitamente viene espressa in termini assoluti come “Sei sempre in ritardo!”, “Non mi aiuti mai!”, ecc. ed utilizzando il verbo “essere”. La critica è molto di più di una semplice lamentela, spesso è l’espressione di una rabbia cresciuta in silenzio e alimentata dall’indifferenza del partner: quando la frustrazione diventa intollerabile, può esplodere in un crescendo di critiche che preparano il terreno al secondo cavaliere, il disprezzo.

crisi coppia

Disprezzo

Il disprezzo è l’elemento più pericoloso per la stabilità della coppia, è una critica all’ennesima potenza e, solitamente, nasce dalla disapprovazione per alcuni comportamenti del partner; questi comportamenti, ripetuti nel tempo, vanno ad alimentare un crescendo di pensieri meschini che sfociano in un desiderio di vendetta più o meno cosciente. Il disprezzo si manifesta attraverso insulti (“sei una stupida!”), offese (“sei un fallito”), sarcasmo (“se lavorassi tanto quanto racconti, saremmo ricchi!”) o, più semplicemente, attraverso il linguaggio del corpo (piccole smorfie, gesti come andare via quando l’altro sta parlando, ecc). Il sentirsi disprezzato dalla persona a cui si vuole ancora bene, colpisce direttamente il corpo e la sua fisiologia creando un’agitazione emotiva che ostacola il dialogo: la reazione più evidente è l’accelerazione del battito cardiaco che può arrivare a superare anche i 110 battiti al minuto! Una volta che si è installato il meccanismo del disprezzo, per la coppia sarà sempre più difficile ricordare l’amore che un tempo li aveva fatti unire.

Contrattacco

Quando le liti si trasformano in veri e propri attacchi verbali, nel partner colpito, si innesca una reazione fisiologica e arcaica chiamata fight or flight, attacca o fuggi (reazione descritta negli anni 30 dal fisiologo americano Walter B. Cannon), che porta a due, sole, possibili risposte: il contrattacco o la sopraffazione. Nel primo caso, si avrà un crescendo di ostilità e violenza da parte di entrambi i membri della coppia che, determinati ad avere la meglio sul “rivale”, non lasceranno il “campo di battaglia” finchè l’altro non cederà: questo comportamento, ripetuto nel tempo, porta alla distruzione della relazione o, nel peggiore dei casi, ad un vero e proprio attacco fisico. Nel secondo caso, invece, il partner non riuscirà a reagire e ne uscirà ferito ed umiliato intimamente. In entrambi i casi, si crea, nella coppia, una frattura emotiva sempre più profonda e sempre più difficilmente sanabile.

Muro di silenzio

Il muro di silenzio, solitamente, segna la fine di un rapporto dominato da critiche, disprezzo e aggressività. Dopo mesi di ostilità, uno dei due partner si distacca emotivamente dalla situazione e abbandona la “battaglia” chiudendosi nell’indifferenza e nel silenzio quando l’altro cerca un contatto. I segnali tipici di questa fase possono essere: leggere il giornale, guardarsi i piedi, scrivere un sms o svolgere una qualsivoglia attività quando l’altro parla. Il partner ignorato cercherà di alzare sempre di più la voce per farsi ascoltare e per manifestare il dolore che prova, ma senza risultati. Anche in questo caso, si innesca un vortice verso il basso che si alimenta di frustrazione, rabbia, rifiuto e sentimenti ostili che, se non viene fermato in tempo, può portare alla violenza fisica come culmine di un’estrema disperazione interiore.

Coppia in crisi

Prima la coppia, o uno dei due partner, si accorge della presenza dei “quattro cavalieri dell’Apocalisse”, più possibilità ci sono di riuscire a salvare il rapporto e di riuscire a vivere più serenamente insieme.

Nel prossimo articolo, parleremo delle strategie che si possono mettere in atto per prevenire o contenere il disagio e per muovere i primi passi verso una vita di coppia serena e duratura.

 

Dott.ssa Sarah Pederboni
corso Ferrucci 101 – 10138 Torino
Tel. 3929220812

 

Rispondi